Cinture massaggianti: elettrostimolatori TENS, chi può usarli e chi no

Elettrostimolatori muscolari, pro e contro, per molti ma non per tutti. Partiamo dai vantaggi che si possono sintetizzare nel rilassamento dei muscoli, che acquistano tonicità con il trattamento, nel recupero della propria forma fisica dopo un periodo di ‘letargo’ o vacanza dall’attività fisica, ma soprattutto in una scaletta di allenamenti sia attivi che passivi, riguardanti tutti i muscoli del corpo, a seconda dell’elettrostimolatore prescelto. L’elettrostimolatore allena il muscolo riportandolo ad essere tonico e armonioso ed è un esercizio che non costa fatica perché lo si può fare in tutta comodità, rilassati sul divano o sotto la supervisione di un coach in carne e ossa.

Passiamo ai ‘contro’, che pure ci sono, il maggiore svantaggio risiede nel fatto che un elettrostimolatore non può sostituire un allenamento ‘in toto’, qualificandosi semmai come un complemento dell’attività fisica che non esaurisce il suo compito soltanto con l’elettrostimolazione. Chi sogna di veder lievitare i propri muscoli dovrà alzarsi dalla poltrona e fare sessioni di allenamento vero e sudato, ciò non toglie che l’elettrostimolatore è un’ottima ‘stampella’ pre e post allenamento, ma come dicevamo non è per tutti. Infatti, ci sono soggetti a cui è sconsigliato l’uso della cintura massaggiante e dell’elettrostimolatore. In particolare, questo prodotto è altamente controindicato per una serie di utenti affetti da diverse patologie, ossia chi soffre di cuore e porta pacemaker, donne incinte, epilettici ed altri soggetti che manifestino dermatiti o altre patologie della pelle, specialmente nei punti dove si intende eseguire il trattamento.

Altra storia i TENS, acronimo di Trans Cutaneous Electrical Nerve Stimulation, una dicitura chilometrica per definire gli elettrostimolatori elettrici nervosi transcutanei, un sistema che agisce sul dolore come anestetico curando mal di schiena e altre fastidiose fitte. I TENS funzionano esercitando sulla pelle dei piccoli impulsi elettrici che azionano fibre nervose deputate a ridurre la percezione di sensazioni dolorose, agendo sui neuroni e inibendo i canali nervosi. I risultati terapeutici che si possono ottenere con questi sistemi sono attribuibili anche allo sdoganamento delle endorfine. È un sistema mini-invasivo che di fatto riduce le sensazioni dolorifiche indotte da svariate patologie come ernia discale, sciatalgie, artriti reumatoidi ma anche lesioni dovute a strappi muscolari, cadute o sinistri. Tutto su cinture massaggianti ed elettrostimolatori.